in evidenza

22 DICEMBRE 2021

Amico Andrologo: l’andrologo è l’amico della salute maschile
AUTORE DOTT. PAOLO FACONDO

La tecnologia se utilizzata per fini nobili rappresenta una risorsa unica e il portale Amico Andrologo ne rappresenta una valida e concreta dimostrazione come ci dimostra il nostro Dott. Paolo Facondo. Segnaliamo inoltre con soddisfazione che la nostra ASST Spedali Civili di Brescia rappresenta una delle sedi di riferimento individuate del portale (referente Dott. Andrea Delbarba).

Il maschio, a differenza della donna, tende più raramente a consultare il proprio medico curante a scopo preventivo, ossia quando sta bene. Questo si traduce frequentemente in comportamenti a rischio legati ad eccesso di alcool, al fumo e all’uso di sostanze d’abuso che, associati a cattive abitudini alimentari e scarsa attività fisica, possono causare l’insorgenza di patologie, sia croniche (come l’ipertensione arteriosa, l’obesità, la sindrome metabolica ed il diabete mellito) sia più strettamente andrologiche (infertilità maschile, calo del testosterone, disfunzione erettile, sintomi della sfera sessuale, osteoporosi). Queste condizioni, se non prevenute, individuate e corrette precocemente, possono rappresentare un serio problema per il benessere e la salute maschile.

In tale contesto, è lodevole che, da molti anni, la Società Italiana di Andrologia e Medicina della Sessualità (SIAMS) attraverso il portale web Amico Andrologo (www.amicoandrologo.it/siams) diffonde la cultura della prevenzione Andrologica attraverso la possibilità di interagire direttamente con esperti del settore, e se necessario, eseguire visite specialistiche dedicate [1].

Purtroppo però, in Italia, pochi uomini si rivolgono all’andrologo: nonostante circa il 30-50% dei giovani riporti fattori di rischio per la salute andrologica (consumo eccessivo di fumo o alcool o sostanze d’abuso, sovrappeso, rapporti sessuali non protetti) e circa il 30% presenti problematiche della sfera riproduttiva e sessuale (criptorchidismo, varicocele, ipogonadismo, malattie sessualmente trasmesse e tumore al testicolo, che è la neoplasia di maggiore frequenza al sotto dei 40 anni) [2], solamente circa il 50% dei giovani uomini conosce il significato della parola “andrologo”; circa il 40% degli adulti è affetto da patologie andrologiche (infertilità maschile, disfunzione erettile, problematiche sessuali, ipogonadismo) [3], ma pochi uomini adulti consultano l’andrologo.

Dunque, chi è l’andrologo? È il medico specialistica in Endocrinologia-Andrologia, che è la branca della medicina che si occupa della prevenzione, la diagnosi e la terapia delle alterazioni degli organi riproduttivi e sessuali maschili, che possono compromettere lo sviluppo psicofisico, la fertilità, l’attività sessuale e la salute maschile (e quindi della coppia) [1]. La visita andrologica può permettere una diagnosi precoce e una ottimale gestione di diverse patologie, al fine di migliorare il benessere maschile.

Pertanto, al fine di favorire l’incontro degli uomini, sia i più giovani sia adulti, con lo specialista endocrinologo-andrologo, la SIAMS, grazie al supporto e al contributo della Federazione Italiana delle Società Mediche-Scientifiche (FISM) e del Ministero della Salute, ha recentemente potenziato il portale Amico Andrologo (www.amicoandrologo.it/siams) ed ha istituito, il 21 ottobre, la giornata Nazionale della Andrologia, che ha visto la sua prima giornata nazionale il 21 Ottobre 2021, in coincidenza con il congresso nazionale della SIAMS.

La SIAMS, tramite il portale Amico Andrologo, vuole sottolineare l’importanza della prevenzione e della visita andrologica al fine di migliorare la salute maschile e sfatare ogni tabù inerente la sessualità e la salute andrologica maschile. Così come la donna, fin dall’adolescenza, si rivolge periodicamente dal ginecologo, è auspicabile che anche l’uomo faccia maggiore affidamento all’andrologo, al fine di tutelare e migliorare il benessere maschile (e della coppia).

Infertilità maschile, tumore del testicolo, disfunzione erettile…. non devono più essere viste come parole tabù da nascondere, ma come argomenti di cui parlare e situazioni da affrontare. Grazie alla SIAMS e ad Amico Andrologo, possiamo dirlo: non perdiamo di vista la salute maschile!

 

BIBLIOGRAFIA

[1] https://www.siams.info

[2] ‘Amico-Andrologo’ Study Group. Risk behaviours and alcohol in adolescence are negatively associated with testicular volume: results from the Amico-Andrologo survey Andrology. 2019 Nov;7(6):769-777.

[3] Ferlin A et al. Sperm Count and Hypogonadism as Markers of General Male Health. Eur Urol Focus. 2021 Jan;7(1):205-213.

©2020 ANDROBRIXIA

seguici su